bonus facciate

BONUS FACCIATE

La finanziaria per il 2020 ha introdotto il bonus facciate, ovvero una detrazione fiscale pari al 90% per le spese relative al rifacimento della facciata (tinteggiatura, balconi, grondaie ecc.) fino al 31 dicembre 2021.

Non tutti sanno che:
Con l’approvazione del DL Rilancio (DL 34/2020) anche con il bonus facciate è possibile effettuare la cessione del credito, quindi in sostanza pagando il 10% del preventivo all’impresa è possibile fare il lavoro completo;

Con le ultime risposte dell’agenzia delle entrate è possibile imbiancare e ripristinare l’intero fabbricato esterno, con la sola esclusione di cortili interni “chiusi” non visibili dalla strada.
Questo consente fino al 31 dicembre 2021 una grossa opportunità per imprese e privati, soprattutto perché il bonus facciate non ha tutti i vicoli del nuovo bonus 110%.
 

CHI PUO’ RICHIEDERLO?
Il Bonus Facciate può essere richiesto da chiunque abbia un fabbricato (residenziale, commerciale, capannone ecc) nelle zone A e B dei comuni italiani. Si tratta delle zone urbane. Per l’individuazione delle zone il nostro ufficio tecnico è a disposizione. Possono richiederlo tutti, privati, imprese e condomini.

COME FUNZIONA TECNICAMENTE?
Permette al cliente finale di ottenere una detrazione fiscale spalmata in 10 anni, pari al 90% delle spese sostenute (IVA compresa). Come anticipato nella premessa, è possibile optare per lo sconto in fattura, ovvero la cessione del credito all’impresa esecutrice dei lavori pagando pertanto solo il 10% non coperto dal credito. Non ci sono limiti di spesa e possono essere detratti tutti gli oneri accessori, professionali iva ecc.

A COSA SERVE?
Il nuovo Bonus facciate serve a ripristinare la parte esterna degli edifici. Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate non solo le facciate dei palazzi rientrano, ma tutte le parti esterne visibili dalle strade pubbliche. Potrebbero partano essere agevolati alcuni interventi solo in modo parziale, va analizzata la casistica puntualmente.


QUALI SONO GLI INTERVENTI SOGGETTI A BONUS?
Gli interventi coperti dalla detrazione sono:

TINTEGGIATURA ESTERNA DELLA FACCIATA

RIPRISTINO INTONACI

RIPRISTINO E MANUTENZIONE RIVESTIMENTI, LEGNO ECC…

RIPRISTINO E MANUTENZIONE BALCONI, COMPRESO RIFACIMENTO PAVIMENTAZIONE

OPERE DI LATTONERIA (GRONDAIE, PLUVIALI, ECC…)

ALTRE OPERE RELATIVE ALL’ESTERNO DEI FABBRICATI

 

COME SI PROCEDE? Per prima cosa, chi intende usufruire del bonus facciata deve richiedere ad un professionista abilitato il verificare della zona, sono agevolati solo interventi in zone A e B; il nostro studio tecnico può fornire questa certificazione.

Solo nel caso del cappotto sarà necessaria la procedura relativa alle detrazioni di risparmio energetico (ovvero diagnosi energetica, comunicazione enea, ecc.).

In tutti gli altri casi non serviranno altri adempimenti, salvo verifica degli adempimenti urbanistici presso il comune. Nei comuni della provincia di Ravenna, gli interventi che non riguardino il cappotto sono in edilizia libera e non necessitano di autorizzazione edilizia (salvo si tratti di zone in centro storico).

Il cliente dovrà pagare il 10% a suo carico tramite bonifico speciale per ristrutturazioni edilizie.

CESSIONE DEL CREDITO
Nel caso in cui il cliente finale, eserciti la facoltà di richiedere che la detrazione del 90% sia assorbita all’azienda che ha eseguito gli interventi, dovrà pagare solo il 10%. In questo modo il cliente finale potrà usare il credito fiscale come strumento di pagamento della fattura e di fatto non avrà alcun esborso monetario per tutti i lavori effettuati salvo il 10% indicato, che sarà preventivato dalla nostra impresa.

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

Ho letto l’informativa Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.